shutterstock_138119732_nr

Ametista sintetica

L’ametista simboleggia l’amore, la felicità, la sincerità e la ricchezza.

397710SAM_eCom_CMYK

Dati

SPECIE/GRUPPO: Corindone sintetico

CLASSIFICAZIONE: Pietra sintetica

Nome

Il nome deriva dal greco “amethystos”, che significa “non intossicare”. La credenza che questa pietra potesse prevenire o alleviare l’ubriachezza risale all’età classica, ma persiste ancora.

Origine

L’ametista sintetica è la controparte creata in laboratorio dell’ametista naturale.

ASPETTO

Dal viola con riflessi blu al viola con riflessi rossi.

LAVORAZIONE

Soltanto taglio e lucidatura.

Cura

Maneggiare i gioielli con cura. Quando non sono indossati, riporli separatamente per evitare che si graffino. Pulire in acqua saponata tiepida spazzolando delicatamente. La pulizia a ultrasuoni va utilizzata con estrema cautela. Non esporre a forti fonti di calore o a brusche variazioni di temperatura. Se esposta alla luce solare forte, la pietra potrebbe sbiadire. Non indossare o lasciare l’ametista sintetica sotto una fonte di luce forte o alla luce diretta del sole per periodi prolungati.

Durabilità

Con una durezza di 7 sulla scala di Mohs e una buona tenacità, l’ametista sintetica è durevole e adatta a tutti i tipi di gioielli.

MITOLOGIA E ASSOCIAZIONI

La nostra ametista sintetica si basa sulla pietra naturale che ha dato vita a miti e leggende per millenni. Nella mitologia greca, una ragazza di nome Ametista fu trasformata in una statua di puro quarzo da Diana, dea della caccia e della luna, per evitare che Dioniso, dio dell’ebbrezza, si vendicasse su Ametista per un presunto affronto che pensava di aver subito facendola sbranare da un branco di tigri. Quando Dioniso vide ciò che era accaduto, fu preso dai rimorsi e pianse lacrime di vino, facendo diventare viola il quarzo. Ricordando questa leggenda, i Greci spesso servono il vino in calici di ametista che dovrebbero aiutare a evitare di esagerare con il bere e a mantenere il controllo. Poiché il viola è sempre stato considerato un colore reale, l’ametista ha un’importanza storica come simbolo di potere. Le ametiste decorano i gioielli della corona britannica ed erano anche una delle pietre preferite da Caterina la Grande e dalle famiglie reali dell’antico Egitto. È stata anche la pietra preferita dall’alto clero cristiano ed era anche nota come “la pietra dei vescovi”. In effetti, molti splendidi esempi di ametista sono incastonati negli anelli vescovili. Nel corso della storia, l’ametista è stata considerata la pietra della chiarezza, della calma e della protezione contro i ladri e gli stregoni ed è stata spesso regalata come simbolo di sincerità, sicurezza e pace interiore.

Altre pietre sintetiche