shutterstock_294769307_NewShadow_nr

Corindone sintetico: Rubino sintetico

Origine

Il rubino sintetico è prodotto in laboratorio utilizzando il metodo di fusione alla fiamma e ha le stesse proprietà e la stessa struttura chimica del rubino naturale. In genere occorre usare un forte ingrandimento per distinguere i rubini sintetici da quelli naturali. Nel 1902, il chimico francese Auguste Verneuil sviluppò il metodo Verneuil (metodo di fusione alla fiamma) per creare rubini sintetici. Questa tecnica è utilizzata ancora oggi, anche per realizzare altri tipi di pietre sintetiche.

190896SGR_CMYK

Dati

SPECIE/GRUPPO: Corindone sintetico

CLASSIFICAZIONE: Pietra sintetica

Nome

Il nome deriva dal latino “ruber”, ovvero “rosso”.

ASPETTO

Il rubino sintetico è la varietà rossa della famiglia minerale dei corindoni. Il colore rosso è il risultato delle tracce di cromo. Tutti i colori del corindone vengono chiamati zaffiri sintetici.

Durabilità

Con una durezza di 9 sulla scala di Mohs, il rubino sintetico è la pietra più dura di tutte, ad eccezione del diamante. Questa caratteristica, unita a un’eccellente resistenza, lo rende estremamente durevole e ideale per tutti i tipi e i design di gioielli.

Cura

Evitare di maneggiare i gioielli energicamente. Quando non sono indossati, riporre i gioielli separatamente per evitare che si graffino. Pulire in acqua saponata tiepida spazzolando delicatamente. La pulizia a ultrasuoni va utilizzata con estrema cautela.

MITOLOGIA E ASSOCIAZIONI

Il rubino naturale è la pietra preziosa rossa più amata al mondo ed è venerata negli antichi scritti in sanscrito come la più preziosa delle pietre. I rubini naturali hanno ornato re e imperatori e hanno ispirato infinite leggende con le loro sfumature ricche e intense. Si pensava che l’intenso colore rosso provenisse da una fiamma inestinguibile all’interno della pietra oppure si pensava che arrivasse dal pianeta Marte. È la pietra preferita dalle persone di potere o innamorate perché è considerata simbolo di coraggio, passione, desideri ed emozioni. Per questo motivo, il rubino naturale viene spesso donato come segno di amore appassionato e romantico. La pietra è stata usata anche come talismano contro i pericoli e i disastri e per curare diverse malattie.

Princess_Mary

La tiara tempestata di rubini e diamanti della principessa ereditaria Mary di Danimarca e la parure che la accompagna hanno una grande importanza storica: furono infatti indossate per la prima volta durante l’incoronazione di Napoleone Bonaparte in Francia, nel 1804, dalla moglie di uno dei suoi ufficiali, Jean Baptiste Bernadotte

Altre pietre sintetiche