shutterstock_284356919_N21

Perle coltivate d’acqua dolce

Le nostre perle coltivate d’acqua dolce devono sempre essere indicate con il loro nome completo, che ne indica l’origine naturale.

DATI

SPECIE/GRUPPO: Perla coltivata d’acqua dolce

CLASSIFICAZIONE: Perla/pietra preziosa organica

Origine

Le perle coltivate d’acqua dolce si formano all’interno del mollusco in seguito all’intervento dell’uomo, quindi artificialmente. Il settore moderno della lavorazione delle perle coltivate è iniziato alla fine del 1800 e da allora si è sviluppato fino a produrre un’ampia gamma di tipi di perle diversi.

NOME

L’origine del nome è incerta, ma si ritiene che possa derivare da una combinazione greco-latina delle parole “perna” (mollusco) e “sphaerula” (sfera).

ASPETTO

Le perle spesso sono modificate con colori aggiuntivi chiamati sfumature e con un effetto perlato. Alcune perle, inoltre, mostrano un effetto iridescente noto come “oriente”.

COLTIVAZIONE

Pandora utilizza le perle coltivate d’acqua dolce per un’ampia varietà di gioielli. Le perle vengono coltivate inserendo delicatamente dei pezzi di tessuto organico in un mollusco d’acqua dolce. Il tessuto cresce e forma il sacco della perla, all’interno del quale la madreperla (chiamata anche nacre) si deposita strato dopo strato fino a formare la perla coltivata. Come le perle naturali, le perle coltivate d’acqua dolce con tessuto inoculato sono composte completamente da nacre, in quanto non contengono nucleo.

shutterstock_322034603_N21
shutterstock_411392995_N21

Le perle coltivate d’acqua dolce Pandora vengono prodotte con molluschi della specie hyriopsis cumingii.

shutterstock_57382816_N21

LAVORAZIONE

Una volta raccolte, le perle coltivate d’acqua dolce di colore diverso dal pesca, rosa o lavanda vengono solitamente sbiancate. Le perle coltivate d’acqua dolce non bianche presenti nel nostro assortimento e utilizzate nei gioielli Pandora devono il proprio colore alla tintura.

DURABILITÀ

Le perle coltivate d’acqua dolce hanno una durezza compresa tra 2,5 e 4,0 sulla scala di Mohs. Presentano anche livelli di resistenza variabili, influenzati dall’età, dalla disidratazione e talvolta dall’eccessivo sbiancamento durante la lavorazione. Ciò significa che le perle coltivate d’acqua dolce tendono a rigarsi e sono relativamente fragili. Le perle coltivate d’acqua dolce sono particolarmente suscettibili all’attacco degli agenti acidi, sono sensibili ai solventi, ai danni dovuti alla pulizia a ultrasuoni e possono avere la tendenza a disidratarsi nel tempo in determinate circostanze. Alcune perle sottoposte a tintura possono sbiadire o ritornare al colore originale se esposte alla luce diretta del sole o a luci forti.

CURA

Indossare le perle coltivate d’acqua dolce con cura. Maneggiare con cura e non esporre ad agenti acidi e solventi. Applicare i cosmetici prima di indossare le perle. Non esporre a pulizia a ultrasuoni o a temperature elevate. Non esporre a lungo le perle coltivate d’acqua dolce colorate a raggi solari forti o a forte illuminazione. Dopo averle indossate (soprattutto se a contatto con la pelle), le perle coltivate devono essere pulite con un panno estremamente morbido e inumidito in acqua pulita. Tuttavia, gli oli e l’umidità naturali della pelle aiutano a prevenire la disidratazione delle perle, quindi indossarle è uno dei modi migliori per preservare il loro aspetto favoloso nel tempo.

REQUISITI LEGALI

Il consumatore non deve mai essere portato a credere di acquistare una perla di origine naturale. Di conseguenza, comunichiamo chiaramente che la perla è stata coltivata in acqua dolce aggiungendo la dicitura “coltivata d’acqua dolce” o una denominazione simile alle descrizioni dei prodotti.

Pearls_shutterstock_87163849_N21_cmyk

LINEA GUIDA SULLE COMUNICAZIONI

Comunica sempre:

il tipo di perla utilizzato per il gioiello (per es. perla coltivata d’acqua dolce) e se la perla è stata trattata/colorata (se pertinente)

Pandora utilizza:

Perle coltivate d’acqua dolce

PERLE COLTIVATE PANDORA

Una perla coltivata si forma proprio come una perla naturale, con strati sovrapposti di nacre a ricoprire un corpo estraneo. A differenza delle perle naturali, però, il processo ha inizio grazie all’intervento umano. Il corpo estraneo, infatti, viene impiantato nei molluschi da tecnici esperti. Al termine del processo, i molluschi vengono posizionati in reti e sommersi nei laghi che circondano l’azienda. Maggiore è il tempo concesso ai molluschi, più grande sarà la perla. In un mollusco d’acqua dolce si possono generale fino a 50 perle coltivate alla volta.